Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/idea/public_html/blog/wp-includes/cache.php on line 36

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/idea/public_html/blog/wp-includes/query.php on line 21

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/idea/public_html/blog/wp-includes/theme.php on line 507
Blog Idea per Lallio » Blog Archive » Amministrare con la diligenza del buon padre di famiglia

Amministrare con la diligenza del buon padre di famiglia

Ricevo questo articolo dal consigliere Lodovici che pubblico:

AMMINISTRARE CON LA DILIGENZA  DEL BUON PADRE DI FAMIGLIA

Nel maggio scorso, in occasione dell’approvazione del bilancio preventivo 2008 e  della delibera di “ vendita “ del parcheggio ex –Sace, avanzai , ma purtroppo con esito negativo, proposte precise per  ridurre le tasse ai cittadini e incassare il massimo dalla vendita del  precitato parcheggio. A mio avviso, c’era un obbligo morale che, Il Sindaco, Assessori e la maggioranza tutta dovevano avere, nei confronti di tutte le famiglie, per tutte le fatiche che ogni giorno, si trovano a dover affrontare per far quadrare i loro bilanci; per la diminuzione del potere d’acquisto degli stipendi; per l’incremento degli affitti, delle rate di mutuo,  delle bollette, dei trasporti, dei generi alimentari e quanto altro.  Proposi, in occasione del preventivo 2008, il modo di azzerare l’addizionale irpef. Consisteva in un  aumento virtuale dell’ICI, ma compensato da pari maggiori detrazioni a favore dei cittadini. Queste maggiori detrazioni ICI – prima casa, lo stato le corrispondeva al comune quali eguali maggiori risorse deliberate con la legge finanziaria 2008. Quindi, il tutto, era  a costo zero per i contribuenti e pari introiti per il comune. La mia proposta venne respinta dalla maggioranza, dopo che, il nostro Sindaco, se non erro e se ben ricordo, dichiarò che, non si aveva la certezza che, arrivassero questi fondi statali. Mi spiace, ora, informare il nostro Sindaco che, in data 7/7/08, il ministero ci ha comunicato di aver corrisposto la prima rata, pari al 50%,  per minori introiti ICI – prima abitazione, ovvero, 95.095 euro, la parte residua sarà corrisposta entro dicembre 2008.     

Riepilogando, se il Sindaco, l’assessore al bilancio Martinelli e gli altri componenti della maggioranza avessero votato favorevolmente, ora, non pagheremmo l’addizionale irpef e così pure , non pagheremmo l’ICI sulla prima casa. Mi piacerebbe leggere il commento del nostro Sindaco e del nostro  assessore Martinelli. Perché non sentono la necessità di organizzare un’assemblea pubblica per illustrare il loro operato? Perchè, a fronte di un avanzo parte corrente 2008 di oltre 169.000, avete ancora richiesto l’addizionale irpef? Perché non avete seguito quanto da me proposto che permetteva ai cittadini di non pagare ICi – prima casa e addizionale irpef? Evidenzio Signor Sindaco che, non ha mai indetto, dalla Sua elezione, un’assemblea pubblica, neanche per illustrare il nuovo statuto comunale. Forse,  perché non si è in grado di fronteggiare la cittadinanza, e conseguentemente è meglio non incontrarla? 

Se da un lato, parrebbe che,  i nostri amministratori non abbiano avuto le capacità necessarie per ridurre le tasse, anche se,  parrebbe, fosse nelle loro possibilità, dall’altro, dobbiamo registrare che, la vendita del parcheggio ex-sace, ove si costruiranno dei capannoni industriali, è stato un “fallimento”; nei principi, se rapportato alle finalità che l’avevano ispirata e finanziariamente, considerata la minore somma che andremo ad incassare, rispetto alla valutazione fatta, nel caso in cui fosse stato venduto a libero mercato, come io avevo proposto.  Dovremmo introitare 1.966.117 euro, contro un valore di perizia, senza vincoli, di 2.488.427. Registreremmo un minor incasso di ca. 522.000 euro, pari a oltre 1.000.000 di vecchie lire. Lascio ai lalliesi giudicare l’affare che abbiamo fatto. Vani, i miei tentativi di evidenziare la complessità, se non, l’impossibilità, di realizzare i loro fini. A mio avviso, non ci fu una adeguata analisi; ci si è aggrappati a idee utopistiche; si sono ignorati i vincoli giuridici e le negative prospettive economiche che, da me dichiarate, si stavano prospettando, e che purtroppo si  sono realizzate. Unico vincolo, rimasto,  è non vendere la propria quota di terreno, prima di 10 anni. Tra coloro che, si sono visti destinati l’area, vi è una sola società che opera a Lallio; non vi è traccia di nessun altro concittadino artigiano, commerciante o imprenditore. Come  giustifica ciò, l’assessore Borella, che, a L’Eco di Bergamo aveva dichiarato che, l’operazione aveva lo scopo di venire incontro alle richieste degli operatori locali di avere nuovi ed adeguati spazi? A consuntivo si è registrato un solo operatore economico locale. Gradito, sarebbe il commento del Sindaco, e degli assessori Martinelli e Borella.      

Riepilogando, da un lato, ci viene richiesta l’addizionale irpef comunale per 125.000 euro, anche se, era possibile evitarla e in cassa vi erano 169.000 euro da spendere. Dall’altro lato, parrebbe che, per la vendita di un parcheggio, ove si costruiranno capannoni,  si concederà  uno “ sconto “  di oltre  522.000 euro .  E pensare che, il nostro assessore Martinelli sostiene che pagare le tasse è segno di solidarietà……..ma tace sul far risparmiare ai contribuenti e sugli sconti. MEDITIAMO LALLIESI.

  29/08/2008                                                             f.to Giacomo Lodovici - Consigliere

Lascia un commento